Le (dolci) ricette di Natale: le scrippelle

APPUNTI DI GUSTO

Carmelita CianciWritten by:

Views: 35234

In attesa della fine del mondo, sono le 15 e al momento non si avvertono sentori catastrofici nell’aria, concentriamo la nostra attenzione e le annesse papille gustative su un classico del Natale abruzzese, le scrippelle o torcinelli.
Attenzione, non mi riferisco alle blasonate e più conosciute “scrippelle ‘mbusse”, piatto cult della cucina teramana di derivazione palesemente francese, bensì a un morbido e soffice dolce fritto dalla forma allungata e dalle vivaci sfumature dorate.

Le “scrippelle ‘mbusse”

Preparazione povera della tradizione popolare, la scrippella ha origini antichissime e immagini ancora vivide persino nei miei ricordi di bambina, con una nonna che durante il periodo natalizio, come da rituale, si adoperava alla piacevole e dolce causa.

A differenza dei caggionetti, le scrippelle hanno una vocazione eletta più al cibo di strada o street food che al consumo più squisitamente domestico.
Comunque viriamo su questioni di natura pratica e veniamo alla ricetta, suggerita in questo caso dalla signora Emma, originaria di Lentella, e da sua figlia Vania, le proprietarie di un piccolo panificio di San Salvo.

Ingredienti:
– farina di grano tenero “00” 1 kg
– sale 10 g
– lievito madre 400 g
– acqua ½ litro (o comunque q.b. per avere un impasto morbido)

L’impasto delle scrippelle

Si parte da un semplice impasto di acqua, farina e lievito madre, lavorato in una capiente ciotola e lasciato riposare per almeno un paio d’ore.

La signora Emma al taglio dei tranci di pasta

A questo punto andiamo a tagliare dei tranci di pasta che distendiamo e allunghiamo un poco alla volta fino all’immersione in abbondante olio d’oliva bollente.

Distensione della pasta

Distensione della pasta

Lasciamo friggere per qualche minuto, e quando la superficie delle nostre scrippelle sarà sufficientemente brunita, scoliamo e mettiamo ad asciugare.

Immersione della pasta nell’olio bollente

La signora Emma con sua figlia Vania

La frittura

La scrippella è quasi pronta

La scrippella dovrà avere una lunghezza di circa 15 cm, mentre la consistenza sarà soffice e spugnosa all’interno, con una velata ma persistente croccantezza all’esterno.

Scrippelle ad asciugare

La versione della signora Emma (appresa dalla nonna) non contempla l’uso delle patate e delle uova, variante più moderna e relativamente diffusa sul territorio, scelta soprattutto per conservare la morbidezza nel tempo.
Sul fronte lievito è molto utilizzato anche quello di birra che garantisce una maggiore continuità e stabilità (in termini di lievitazione) nel risultato finale.

Una scrippella alla prova assaggio

Qualunque sia la versione preferita, il comune denominatore resta quello di consumare le scrippelle ancora calde e fumanti con sopra una generosa spolverata di zucchero bianco.

 

Panetteria Colameo
via Isonzo 5, San Salvo
Tel. (+39) 0873549297

 

[Crediti | Immagini: Carmelita Cianci]

Iscriviti alla newsletter

3 Responses to " Le (dolci) ricette di Natale: le scrippelle "

  1. MARIA BONETTI scrive:

    PROVERò A FARLI MA NON HO IL LIEVITO MADRE

  2. isa forti scrive:

    Quelle che chiamate scrippelle, in realtà mi sembra una variante della pizzonta (pizza fritta).Di solito si faceva con un po’ di pasta di pane.

  3. ragheb scrive:

    Salve,
    dopo un po di tempo, la lontananza ti fa pensare alla terra d’origine degli abruzzi. Dopo avere imparato le tecniche per ottenere gli impasti per il pane, rifare ciò che avete proposto è stato davvero bello e gustoso. Ho fatto anche una variante mettendoci anche del peperoncino secco nell’impasto. Sicuramente da rifare. Ottimo
    Appena avrò un pò di tempo, inserirò la mia variante all’interno del mio blog: http://raghebelassouad.blogspot.com inserendovi la fotografia del risultato ottenuto.
    A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *