Andar per borghi, Tufillo

ANDAR PER BORGHI

Carmelita CianciWritten by:

Views: 1123

Tufillo Il borgo di Tufillo signoreggia su uno sperone roccioso uno dei tratti più verdi e incontaminati della media valle del Trigno.
Percorrendo il paese, ancora oggi, si possono contemplare resti di antichi palazzi e torri risalenti al XII-XIII secolo, epoca del primitivo nucleo di Tufillo.

Tufillo - Fontana Secondo una vecchia leggenda, il primo insediamento del borgo sorgeva sul Monte Farano, ma un’invasione di enormi formiche avrebbe costretto la popolazione ad abbandonare il villaggio e stabilirsi nella parte più bassa. Comunque non si tratta di solo e semplice mito, perché sul monte sono stati rinvenuti alcuni reperti che attestano una reale occupazione dell’area intorno a un santuario frentano del III–II secolo a.C. Tra i ritrovamenti, spicca una chiave di bronzo con un’incisione dedicata alla dea Herentas, divinità italica assimilabile alla greca Afrodite e alla latina Venere.
Una mostra permanente dal titolo “Cercando Herentas” celebra quanto emerso dagli scavi.

Tufillo Recenti indagini archeologiche, di cui l’esposizione mostra i primi elementi, hanno consentito di individuare alcuni resti di capanne della prima età del ferro e ulteriori insediamenti intorno al santuario di Herentas. Tutto ciò testimonia l’importanza strategica del sito nel panorama religioso e politico del territorio frentano prima e dopo la romanizzazione.
TufilloE’ possibile ammirare la mostra presso la “Casa di Herentas”, situata nella parte più alta di Tufillo, dove sorge anche la Chiesa di Santa Giusta risalente al XIV secolo, ma costruita nella versione attuale nel 1758 e collegata attraverso un corridoio al Palazzo dei marchesi Bassano, perché un tempo utilizzata dai nobili come cappella palatina.
Chiesa di Santa Giusta

La facciata e i dipinti murali presenti nella prima cappella a destra dell’ingresso della chiesa risalgono alla seconda metà del settecento, mentre è evidente il diverso stile architettonico del portale. Se le facciate della chiesa e del palazzo rimandano chiaramente allo stile tardo barocco, il portale ostenta tutte le caratteristiche del passaggio dal romanico al gotico, rievocando forme architettoniche più antiche.
Palazzo Municipale

Tra gli appuntamenti da non perdere, durante il periodo estivo a Tufillo, la tradizionale sagra dei cavatelli, pasta tipica locale preparata a mano e condita con sugo di salsiccia.

[tubepress video=”0DOL9kqQ0jw”]

 

[Gli altri borghi delle Terre dei Trabocchi, Abruzzo | Crediti: trignosinelloturismo.it]

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *