Ricette d’autore: la triglia in scapece espressa di Nicola Fossaceca

APPUNTI DI GUSTO

Carmelita CianciWritten by:

Views: 1262

Triglia in scapece espressa La triglia in scapece espressa è uno dei piatti che hanno reso celebre la cucina di Nicola Fossaceca, il giovane chef del ristorante Al Metrò di San Salvo Marina fresco di stella Michelin.
E’ anche vero il contrario, che Nicola ha riscoperto quello che era un prodotto tipico del vastese, ormai finito nel dimenticatoio culinario locale e solo una vaga reminiscenza collettiva. Ha dato nuova linfa e popolarità alla scapece, quella preparazione di pesce dal gusto così antico, forte e quindi relativamente apprezzabile.

Ma di cosa si tratta?
La scapece è una conserva ittica tipica del litorale vastese, si ottiene utilizzando diverse specie di pesce, come la razza, il palombo bianco e i molluschi.

Scapece tradizionale Il pesce fresco è lavorato (diliscato, eviscerato, pulito, rifilato, tagliato a tranci) e poi fritto in olio extravergine d’oliva, quindi immerso in una salsa di aceto e zafferano che conferisce al prodotto caratteristiche uniche e distintive nell’aspetto e nel sapore. Si conserva, come tradizione vuole, in tini di legno e in contenitori ermetici d’acciaio. La scapece è solitamente destinata alla vendita “sfusa” nelle fiere, nei mercati,  nelle sagre ed è abitualmente consumata e apprezzata soprattutto come antipasto. Nel vastese la sua preparazione ha una tradizione antichissima, un tempo era un prodotto molto diffuso, tanto che uno storico acetificio di Vasto, attivo fino alla fine del 1840, la confezionava e la esportava in tutta Italia. Oggi è considerato un autentico prodotto di nicchia. La triglia in scapece espressa

La rivisitazione di Nicola Fossaceca deriva dai suoi ricordi di bambino, dal richiamo di quell’aroma forte e caratteristico della scapece imbevuta di aceto.
La sua versione “moderna” sembra essere una proiezione e una replica di quella primitiva percezione, il suo personale “effetto madeleine”.

Rispetto alla ricetta tradizionale, la scapece si fa espressa perché non è più conservata a lungo, per questo motivo è utilizzato un pesce come la triglia dalla struttura esile, ideale per una frittura veloce che rende il piatto caldo e croccante.

La salsa si fa più morbida e bilanciata, l’irruenza dell’aceto è placata dalla dolcezza del miele e dalla sobrietà dell’olio extravergine d’oliva, mentre lo zafferano utilizzato nella pastella per la panatura conferisce quella particolare nota aromatica legata alla memoria del piatto originale.
Ma veniamo alla ricetta.

Ingredienti
12 triglie

Per la pastella
g 200 di acqua
g 150 di farina
g 20 di lievito di birra
g 10 di sale
g 6 di zucchero
g 1 di stimmi di zafferano dell’Aquila DOP

Per la salsa
g 50 di miele millefiori
g 40 di aceto di vino bianco
g 70 di olio Evo

Per la frittura
Olio di semi di girasole

Per la guarnizione
g 80 di insalatina (lattughino verde, rucola, lattuga romana, ravanelli)
Fior di sale

Ingredienti Preparate la pastella mescolando in una ciotola acqua, lievito, farina, sale, zucchero e zafferano e lasciate lievitare per almeno 30 minuti.
Nicola Fossaceca

Zafferano

 

 

Pastella

Pastella Intanto eviscerate, squamate e lavate le triglie, togliendo eventuali spine rimaste con l’ausilio di una pinzetta.
Triglia TrigliaTriglia A questo punto, immergete, una alla volta le triglie nella pastella e friggete in olio di semi di girasole scaldato fino a 150°.
Triglie Triglia nella pastellaFrittura Quando le triglie saranno dorate, scolate e lasciate asciugare su un foglio di carta paglia.
Triglia espressa Frittura Triglie

Emulsionate con un mixer o con una frusta l’aceto con il miele, poi aggiungete l’olio così da realizzare la salsa per rifinire la scapece.
Salsa per scapece espressa Adagiate al centro di un piatto un bouquet di insalatina, disponetevi sopra le triglie e guarnite con la salsa e un pizzico di fior di sale.
Triglia in scapece espressaGuarnizione triglia con salsaTriglia in scapece espressa

Il risultato sarà una scapece scricchiolante al palato in perfetto equilibrio con la dolcezza del miele e l’acidità dell’aceto, un piatto “moderno”, ma fortemente ancorato alla cultura e alla tradizione locale.

[Crediti | Immagini: Carmelita Cianci]

 

Iscriviti alla newsletter

3 Responses to " Ricette d’autore: la triglia in scapece espressa di Nicola Fossaceca "

  1. Berardino scrive:

    Ho avuto la fortuna di assaggiare questo delizioso piatto da Nicola e Antonio. Ho ancora in mente il gusto della triglia, ma soprattutto la croccantezza e la friabilità della coda del pesce, che ne rende unico il sapore.
    Complimenti.

  2. elena scrive:

    ciao nicola il mio nome e Elena Pannunzio sto in canada quando ero bambina non sempre ma qualche volta me mangiavo la scapece con il bacchala so ti chiedo PER FAVORE mi puoi dare la recetta tanto grazie Elena ( ps ) buone feste di Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *