Palena in festa per la Bandiera arancione 2012

ANDAR PER BORGHI

Written by:

Views: 349

Quella di domenica, 14 ottobre, sarà una giornata alla scoperta di cento piccoli Comuni (con massimo 15mila abitanti) che si distinguono per un’offerta di eccellenza e un’accoglienza di qualità. Sono borghi ai quali il Touring Club Italiano ha deciso di conferire un marchio di qualità turistico-ambientale attraverso la “Bandiera arancione”. E tra questi borghi, unici in Abruzzo, ce ne sono due delle Terre dei Trabocchi: Roccascalegna e Palena.

Proprio a Palena domenica ci sarà una grande festa per la Giornata “Bandiere arancioni 2012”. Attraverso visite guidate, degustazioni, attività ed eventi coinvolgenti, l’iniziativa mira a sottolineare e valorizzare le “identità plurali” della nostra Italia con le “unicità” di quei luoghi certificati perché eccellenti dal punto di vista turistico ed ambientale.

Il Castello di Palena

Palena è stata scelta perché si distingue per essere immersa in un contesto ambientale di notevole fascino e pregio (il Parco Nazionale della Majella) e per possedere un elemento di attrattività di notevole valore storico-culturale (il Castello). Molto apprezzata è stata la cura e la manutenzione dell’arredo urbano, in particolare presso le aree verdi e la varietà e la qualità dell’offerta sia ricettiva sia ristorativa.

Il borgo, l’ultimo delle Terre dei Trabocchi prima del confine con la provincia aquilana, sorge nel contesto naturalistico di particolare bellezza del Parco Nazionale della Majella, in posizione dominante sull’alta Valle dell’Aventino. Il paese, di origine altomedievale, conserva un borgo antico dagli scorci caratteristici, con archi e portali in pietra; nella parte alta si erge la roccaforte del Castello ducale dell’XI secolo e, nel cuore dell’abitato, il piccolo Teatro Aventino, tutti luoghi che sono nell’itinerario guidato organizzato nella Giornata “Bandiere arancioni 2012”. Altre tappe sono il Museo Geopaleontologico con un’importante raccolta di fossili e collegato con il geo-sito alle sorgenti dell’Aventino, la Casa e Museo dell’Orso Marsicano appena tornati agli antichi splendori grazie ad un’attenta opera di conservazione da parte del Consorzio Celestiniano. E ancora: la Pinacoteca presso il castello Ducale, con una collezione di opere di artisti locali; la Chiesa di San Francesco, la Chiesa della Madonna del Rosario, con l’organo monumentale del 1787, di recentissimo restauro. Per i  bambini e le famiglie, un simpatico spettacolo teatrale proposto dall’associazione culturale Teatro dell’Aventino.

Inoltre, su richiesta sarà possibile prenotare una visita guidata per le vie del borgo. Per ulteriori informazioni è possibile contattare i seguenti numeri telefonici: 339.5779794 e 329.1570466.

[Crediti: http://www.bandierearancioni.it/, SangroAventinoTurismo]

 

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *