Il mare a settembre: cinque spiagge in cui ‘tuffarsi’

VOGLIA D(A)MARE

Written by:

Views: 1434

Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare: scendono all’Adriatico selvaggio che verde è come i pascoli dei monti. (D’Annunzio – Alcyone)

Ma quanto è bello il mare di settembre? Le onde increspate dai capricci del tempo, sabbia e ciottoli scomposti, qualche foglia e ramo secco sparsi qua e là, e il rimo dell’acqua che s’infrange sul bagnasciuga. Il teatro ideale per una passeggiata romantica, ma anche la cornice perfetta per un’uscita solitaria, magari con un buon libro. E, perche no, l’ambientazione giusta per un bagno di gruppo, con gli amici di sempre, pima di riprendere il tam tam della vita quotidiana, tra studio e lavoro.

Ecco allora cinque spiagge delle Terre dei Trabocchi dove vi consigliamo di fare un bagno, che sia l’ultimo della stagione o l’ennesimo di un’estate lunghissima.

1) San Vito – Rocco Mancini

La spiaggia libera Rocco Mancini si trova a San Vito Marina tra la spiaggia di Portelle e il trabocco Punta Fornace. La spiaggia ciottolosa è lambita da un mare limpido e profondo già a un metro dalla riva. L’ideale per passare rilassanti giornate al sole.  E’ attrezzata con contenitori per i rifiuti e servizio doccia. Ha conquistato la Bandiera Blu 2012.

2) Rocca San Giovanni – La Foce

E’ la spiaggia più grande nel territorio comunale di Rocca San Giovanni. Il bagnasciuga, in prevalenza ghiaioso, si estende per oltre seicento metri di lunghezza tra l’antico borgo di Vallevò e Punta Torre, dove sorge l’omonimo Trabocco, ancora utilizzato per la pesca. L’accurata manutenzione, la pulizia, un ampio parcheggio attrezzato e le strutture per disabili hanno fatto conquistare alla spiaggia (unica in Abruzzo), oltre alla Bandiera Blu 2012, anche le 4 Vele sulla Guida Blu di Legambiente.

3) Torino di Sangro – Costa Verde

A poche chilometri dalla Riserva naturale regionale della Lecceta litoranea di Torino di Sangro si estende questa spiaggia, in prevalenza ghiaiosa, con stabilimenti balneari che si alternano a tratti liberi. Una spiaggia conosciuta per i suoi fondali ideali per la pesca subacquea, e circondata da colline che si affacciano sul mare pieno di boschi secolari.

4) Vasto – Punta Penna

La spiaggia di Punta Penna, nei pressi del Porto di Vasto, rappresenta uno dei pochi tratti ancora selvaggi e liberi del litorale abruzzese. Si estende per diversi chilometri ed è caratterizzata da soffice sabbia dorata, che presenta alle spalle delle splendide formazioni. Le dune sono punteggiate da vegetazione anche rara e popolate da animali come il gabbiano reale, il gabbianello ed il fratino. Il mare è bellissimo, turchese, cristallino e trasparente, con fondali digradanti e sabbiosi, ideale per fare il bagno, nuotare e praticare diversi sport acquatici. Anche nel 2012 ha confermato la Bandiera Blu.

5) San Salvo – Giardino Botanico Mediterraneo

Il Giardino Botanico Mediterraneo di San Salvo si trova sul Lungomare Cristoforo Colombo, nella Marina della Città. È un’area protetta di circa 60 ettari e uno dei rari giardini dunali italiani, nonché l’unico in tutta la costa adriatica. Al suo interno sono stati ricostituiti tutti gli ambienti tipici della costa sabbiosa medioadriatica, a partire, dalla vegetazione dunale, con la tipica struttura a fasce parallele alla riva. La spiaggia ha conquistato la Bandiera Blu 2012.

[Crediti: Trignosinelloturismo, Visitabruzzo, Google. Instagram Carmelita Cianci] 

 

Iscriviti alla newsletter

6 Responses to " Il mare a settembre: cinque spiagge in cui ‘tuffarsi’ "

  1. ivana scrive:

    semplicemente meraviglioso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *